Quando si parla di EuroNCAP, si parla delle famose valutazioni con le stelle, che parlano della sicurezza delle automobili che guidiamo tutti i giorni. Si tratta di test che verificano la funzionalità dei sistemi di sicurezza delle auto, e il fatto che si tratti di un’agenzia indipendente europea, la rende slegata dai vari brand che testa. E stando ai dati, questi test hanno permesso di salvare, in venti anni, 78mila vite. Proprio grazie ai test effettuati, che hanno messo in luce eventuali mancanze poi recuperate da parte delle case automobilistiche. Il sistema di EuroNCAP ha portato, negli anni, i costruttori a standardizzare i propri sistemi di sicurezza su elevati livelli, per tutti i veicoli commercializzati all’interno dell’Unione Europea.

Quindi, la European New Car Assessment Programme (questo il nome esteso dell’acronimo più conosciuto) ha inevitabilmente innalzato gli standard. Basterebbe confrontare quelli delle vetture vendute nel fiorentissimo mercato cinese, per comprendere quali siano le differenze. E tralasciamo quello indiano, noto per avere standard di legge estremamente bassi, con un altissimo costo quando si tratta di vite umane. Ma la severità dell’ente EuroNCAP ha portato anche, come ultima innovazione, alla doppia valutazione dei veicoli: con e senza safety pack installato, per valutare davvero le differenze tra un allestimento e l’altro, e capire (e far capire) quanto possa cambiare davvero, al momento di incidente,avere delle dotazioni di sicurezza superiori. È vero, spesso si tende a pensare che “Tanto non capita mai”,ma la volta che qualcosa dovesse accadere… È sempre bene e meglio essere sicuri della propria auto, no?

Dal 2018 saranno introdotte altre novità, per i test EuroNCAP. Si parla in primo luogo di un punteggio per il riconoscimento della presenza di ciclisti e sistemi di assistenza alla guida in grado di evitare l’impatto, in primo luogo. Considerando il costante aumento di questo tipo di presenze sulle strade (non solo italiane, ma europee in toto), sicuramente si tratta di una importante valutazione. Nel frattempo, per chi non cambia costantemente vettura, c’è sempre l’affidarsi al proprio meccanico di fiducia, per verificare periodicamente che i sistemi di sicurezza dell’auto siano sempre al massimo della funzionalità, pronti a entrare in servizio in caso di bisogno. Sebbene si tengano sempre le dita incrociate.