Come si rinnova continuamente la tecnologia, così si perfezionano e si rinnovano e modernizzano anche i crash test dummies, questo grazie a due particolari e specifici manichini che verranno presto utilizzati. Nei vari test effettuati sulle auto, sono sempre stati adoperati fantocci dal fisico “asciutto e palestrato”, mentre ora gli ideatori hanno cercato di adeguarli ai tempi ricorrenti. Si tratta dunque di un manichino (obeso) e di uno che simula le fattezze di una signora di 70 anni circa. Per riuscire a capire come modellare al meglio questi manichini, sono stati effettuate e usate oltre 6000 scannerizzazioni di corpi presenti in un database nazionale.

Informazioni estremamente utili, per capire effettivamente come risulta la corporatura di molte persone al giorno d’oggi e quali sono i reali rischi in cui possono incorrere in un eventuale incidente. Sono stati presentati da poco, come si può leggere sul sito della Cnn, dall’International Center for Automotive Medicine (ICAM) dell’università del Michigan. Per quanto riguarda le caratteristiche del manichino (obeso), vanta un peso di ben 123 chili (molti più di quelli che nei manichini, vengono usati normalmente), mentre per quanto riguarda quello (anziano), anche lui è leggermente sovrappeso oltre che ad avere il torso disegnato sul modello di una signora anziana.

A spiegare alcune di queste caratteristiche dei due fantocci è Stewart Wang, uno degli ideatori:

Le dimensioni del corpo sono fondamentali per capire quanto gravi saranno le conseguenze di un incidente e la normalità oggi è trovare una persona obesa, La necessità di sviluppare i nuovi prototipi è stata dimostrata da diversi studi che hanno mostrato che le ferite da incidenti variano a seconda della conformazione del corpo. Gli obesi, ad esempio, tendono a scivolare sotto le cinture di sicurezza in caso di urti frontali.