SerieA riprendono gli allenamenti

SerieA riprendono gli allenamenti

SerieA riprendono gli allenamenti. Vincenzo Spadafora, ministro dello Sport, è intervenuto in Senato esponendo il suo programma per rilanciare lo sport e il calcio. Ecco le parole: “Lo sport non è solo il calcio e il calcio non corrisponde soltanto alla Serie A. Abbiamo la necessità di ripartire per quello che è l’enorme valore economico e sociale del mondo dello sport. Da parte nostra c’è grande volontà di spingere per la ripartenza, ma il primo obiettivo è quello di garantire la tutela dei nostri cittadini”.

SerieA riprendono gli allenamenti. Il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha aggiunto: “È nostra intenzione studiare un programma che permetta di ripartire con gli allenamenti dal prossimo 4 maggio, per poi ragionare sulla ripresa dei campionati. Mettendo sempre in cima ai nostri pensieri la salute degli addetti ai lavori”. Le parole di Spadafora sono quindi importantissime: l’intenzione del Governo è quella di riprendere il campionato di Serie A.

Ripresa serie A: la Lega estende al 2 agosto la fine della stagione. Si prospetta quindi la ripresa del campionato verso la fine maggio. A inizio giugno e fine agosto per assegnare il titolo, le promozioni e le retrocessioni. Il presidente del Brescia Cellino che parla di campionato falsato, mentre gli altri presidenti sembrano fare fronte unico e compatto per concludere la stagione. In Olanda invece è ufficiale la sospensione definitiva del campionato, senza assegnazione del titolo, mentre restano bloccate promozioni e retrocessioni. Ancora in forte dubbio gli altri maggiori campionati europei, il calcio spagnolo e inglese verso la riapertura per l’assegnazione di titoli ,promozioni e retrocessioni.

Extra Bookmakers

I nostri sponsor

Virtual Grand Prix Formula1

Virtual Grand Prix Formula1

Mancano i Grand Prix veri per l’emergenza Covid-19? Entrano in campo i videogame. Entrano in pista i Virtual Grand Prix Formula1, con un buon numero di piloti del mondo Formula 1. Sarà possibile assistere ai campioni del motorsports che si sfideranno a colpi di joystyck.

Le gare virtuali si svolgeranno utilizzando il videogioco per PC ufficiale F1 2019. Si è partiti con il Gran Premio del Bahrain: sulla pista di Sakhir è nadato in scena una gara del 50% di lunghezza con 28 giri, preceduta da un periodo di qualificazione in cui le posizioni della griglia saranno determinate in base al tempo sul giro più veloce. Per aprile e maggio a sostituire i Gp reali, dunque, ci saranno i videogiochi, dove parteciperanno anche piloti veri, come ad esempio Lando Norris.

L’appuntamento è in diretta su YouTube, Twich e Facebook. Lo scopo degli eventi sarà esclusivamente quello di intrattenere gli appassionati a casa. Inoltre, tenendo conto delle grandi differenze di abilità al gioco tra i vari concorrenti, il livello di simulazione si abbasserà, grazie a prestazioni uguali per tutti, assetti fissi, danni del veicolo ridotti e per chi non ha molta familiarità al gioco ci saranno anche aiuti alla guida come Abs e Traction Control. Ogni gara sarà fine a sé stessa: non ci saranno punti in palio. Non resta che guardare e divertirci con questo Virtual Grand Prix Formula1!

Articoli simili

Calcola preventivo i nostri sponsor

Formula 1 su NowTv e non solo

Formula ! su Now Tv e non solo

Formula 1 su NowTv ? Enon solo. I servizi di streaming sono ormai una realtà consolidata. I pionieri di questo mercato sono Spotify e Netflix. In ambito sportivo soprattutto quello automobilistico, Formula 1, le cose stanno cambiando .In Italia, negli ultimi anni sono nate diverse soluzioni che permettono di guardare i Gran Premi F1 in streaming online, tutto in maniera legale e con ottima qualità delle immagini. Vorresti saperne di più? Ecco come guardare Gran Premi F1 in streaming su computer, smartphone, tablet, console per videogiochi e altri device . E’ bene ricordare che la maggior parte di questi servizi sono a pagamento.

L’offerta Formula 1 su NowTv

Tra le offerte più interessanti del momento per vedere i Gran Premi di Formula 1 in streaming c’è quella di NOW TV, servizio di Sky Italia completamente differente dalla pay TV satellitare. Con l’Offerta Sport, disponibile nelle tre versioni giornaliera, settimanale e mensile avrai disposizione 23 canali che ti permetteranno di vedere in streaming: contenuti Ticket Calcio Mensile tra cui Premier League, LaLiga Santander e Bundesliga su Fox Sports, MotoGP, Formula 1, Basket, NBA, Golf, Tennis e Rugby. Inoltre è possibile acquistare singoli eventi sportivi, come ad esempio le singole gare del campionato del mondo di F1, pagando 9,99 Euro ad evento. NOW TV non prevede vincoli contrattuali e può essere disattivato in qualunque momento, basta accedere al proprio account e disattivare il rinnovo mensile della sottoscrizione. E’ previsto anche un periodo di prova gratuito di 14 giorni a 0€, senza nessun costo.

Come Funziona Now Tv

Per usufruire del servizio bisogna possedere una connessione Internet veloce (non richiedono moltissima banda). Utilizza uno dei dispositivi supportati: computer (tramite Chrome o un altro browser dotato del supporto a Microsoft Silverlight), iPad, dispositivi Android, Smart TV Samsung, PlayStation, Xbox e NOW TV Box (un TV box proprietario di Sky basato sul Roku 2). Usufruisci della ottima offerta ,Formula 1 su NowTv e non solo Per maggiori informazioni visita il sito NOW TV.

Now TV: Registrati Ora

Articoli simili

Matterley Basin : Cairoli terzo nonostante la forma non ottimale

Matterley Basin Mondiale 2020 Tony Cairoli terzo-veloceveloce.it

Matterley Basin Cairoli terzo, inizia cosi il suo Mondiale 2020 di MxGP , con un terzo posto. Sull’impegnativo tracciato di il pilota siciliano della KTM , ha messo la solita grinta e il podio conquistato attesta la classe del centauro nostrano. Non era facile perché i mesi di inattività per i problemi alla spalla erano molti e per questo la condizione non poteva essere al meglio. Infatti nella fase pre-stagionale, Tony aveva affrontato solo l’ultima tappa, degli Internazionali d’Italia a Mantova, raccogliendo un podio , terzo posto nella categoria Mx1.

Indubbiamente la sfida mondiale sarà molto ardua , il campione in carica Tim Gajser e soprattutto l’olandese Jeffrey Herlings hanno fatto vedere cose importanti. In particolare l’olandese, primo in gara-1, secondo in gara-2, ha dimostrato che i problemi al piede, del 2019 ,sono soltanto un ricordo , sulla KTM potrebbe rendere la vita difficile a tutti. Ne è ben consapevole Cairoli, motivato a dare il 100% e a ritrovare al più presto la forma migliore : “La mia spalla è migliorata molto, ma in Belgio ho sentito un crack al ginocchio destro. Ho pensato: la stagione è già finita. Sono andato dal medico, che ha confermato uno stiramento di secondo grado del legamento. Devo solo lavorare il più possibile sul muscolo, per renderlo il più stabile possibile. Quindi ,essere sul podio ,su questa pista, e in queste condizioni è stato sorprendente, sono ancora più motivato a lavorare molto duramente per provare a farcela. Poi vedremo cosa possiamo fare“. Queste le parole del centauro , a caldo ,subito dopo la gara di Matterley Basin, terzo posto per Cairoli che comunque non lascia rimpianti.

GP Australia 2020 cancellato! Causa COVID-19 ,caos in Formula 1

Formula1 GP Australia 2020

Il GP AUSTRALIA 2020 di Formula 1 è cancellato, causa COVID-19 . FIA Formula 1 hanno ufficializzato lo stop alla prima gara del Mondiale 2020 in seguito ai timori legati alla diffusione del coronavirus e della positività di un meccanico della McLaren accertata a Melbourne nella giornata di giovedì. Una situazione che aveva indotto la scuderia di Woking a rinunciare alla gara.  HamiltonVettel Raikkonen sono apparsi da subito molto scettici sulla possibilità di correre. Niente Australia, dunque, con un calendario che cambia ulteriormente dopo il rinvio della gara in Cina a data da destinarsi. L’inizio del Mondiale resta un punto interrogativo al di là di Melbourne. Liberty Media, proprietaria della F1, sta valutando la situazione sia in Bahrain che in Vietnam

Niente GP Australia 2020, niente Formula 1 causa COVID-19

Dopo la notizia dei casi sospetti sia nel team Haas che in McLaren, nella tarda mattinata del 12 marzo è arrivata la conferma della positività al Covid-19 per un membro della squadra britannica. Come detto, la McLaren ha subito comunicato di rinunciare a partecipare alla gara dell’Albert Park. Per la Haas, invece, negativi i due del team sottoposti a tampone. Successivamente, sull’accout Twitter @F1 Media, è stato pubblicato questo messaggio: “A seguito della positività (al Covid-19, ndr) di un membro del team McLaren, FIA e Formula 1 ​​sono in contatto per le loro decisioni e si coordinano con tutte le autorità competenti sui passi successivi. La nostra priorità è la sicurezza di tifosi, squadre e tutto il personale in gara”. Poi, dopo una lunga attesa, l’ufficialità dello stop al weekend arrivata , quindi è cancellato ufficialmente il GP AUSTRALIA 2020 , con un comunicato attorno all’una del mattino in Italia. Fino a quel momento moltevoci si erano rincorse, in alcuni casi anche ipotizzando la normale disputa del weekend. 

La riunione con il ministro di Victoria conferma la cancellazione del GP AUSTRALIA 2020

Ad anticipare la decisione di cancellare la gara dell’Albert Park anche una riunione dei team principal di F1 insieme a FIA, ministro della salute di Victoria e Andrew Westacott, responsabile dell’Australian Grand Prix Corporation.

Formula 1: Bahrain la situazione (GP 22 marzo)

Al momento sappiamo che la gara verrà disputata a porte chiuse. Il governo locale ha imposto restrizioni a chi nei 14 giorni precedenti l’arrivo è stato nei paesi come l’Italia ritenuti a rischio. Chi presenterà un visto legato al GP sarà prelevato dall’aeroporto di Manama portato al circuito di Sakhir per i controlli sanitari. Spuntata anche una nuova ipotesi: l’accesso solo a chi opera in pista, vietandolo anche a media e a tutti quelli ritenuti non indispensabili allo svolgimento del GP.

Formula 1: Vietnam la situazione (GP 5 aprile)

Chase Carey, presidente della F1, ha trascorso alcuni giorni ad Hanoi per valutare la situazione in vista del GP del Vietnam del 5 aprile. Dal responsabile di Liberty Media e dagli organizzatori della gara si attendono indicazioni sulla possibilità o meno di garantire il normale svolgimento della gara. Oltre ai timori per il virus, i dubbi anche in questo caso sono alimentati dalle restrizioni sui visti d’ingresso.